17.4 C
Scandiano
lunedì, Maggio 27, 2024
Pubblicità

E alla fine Matteo Renzi salta il fosso e lascia il PD

Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

di Daniele Santi #MatteoRenzi twitter@gaiaitaliacom #Leopolda

 

Ciò che sembra un salto nel buio sicuramente non lo è. Matteo Renzi ha di certo valutato tutti i pro e contro della sua uscita dal PD e considerato tutte le opzioni. Di certo, la scissione era alle porte; Matteo Renzi non può restare in un partito nel quale rientra Massimo D’Alema che è l’anima nera della sinistra che si pretende rossa. Non può, non potrebbe ma, soprattutto, non vuole e secondo noi, risultati elettorali a parte che vedremo in futuro, ha ragione.

Matteo Renzi darà vita a gruppi autonomi alla Camera e al Senato (con la complicazione dei nuovi regolamenti) per costruire quella forza liberal-democratica della quale l’Italia ha tanto bisogno e che andava fatta almeno vent’anni fa, ma allora si era schiacciati tra la Bicamerale di D’Alema – uno dei tanti clamorosi fallimenti dell’uomo che è tutto e niente, quasi come Travaglio – e Berlusconi che gli fece un clamoroso dietro-front nei denti, senza pensarci due volte.

Le reazioni all’uscita di Renzi dal PD testimoniano la pochezza della politica italiana, ancorata com’è alle tradizioni di partito, con reazioni pilotate dai media che invece di leggere ciò che Renzi ha detto nelle interviste rilasciate a Repubblica e a Il Giornale, traducono a seconda dell’ospite che stanno intervistando. Matteo Renzi è stato chiarissimo:

Quello che mi spinge a lasciare è la mancanza di una visione sul futuro. I parlamentari che mi seguiranno saranno una trentina, più o meno. Non dico che c’è un numero chiuso, ma quasi. E la prossima Leopolda sarà un’esplosione di proposte”

Renzi se ne va e dirà cosa vuole fare, esattamente, alla prossima Leopolda, tra poche settimane, dal 18 al 20 ottobre. Maria Elena Boschi lo seguirà e Conte è stato messo al corrente: la forza politica che nascerà dalla scissione continuerà a dare l’appoggio al Governo Conte che sarà, ovviamente, appeso ad un filo.
Matteo Renzi, nonostante nessuno lo dica tra i cervelloni della stampa di regime – quella che ipotizzava nei giorni scorsi che Renzi avesse tra le mani diversi deputati di Forza Italia, Carfagna in testa – tra gli ex compagni di partito, ha fatto la mossa da maestro che gli permette di avere il Governo tra le mani senza essere parte del Governo.

Sconcerto tra i militanti e nella base del partito. Tutti molto legati al senso di comunità e di appartenenza, perdono di vista il pragmatismo che è assolutamente necessario in politica. Non diciamo che la mossa di Renzi sia quella giusta – in più occasioni ho scritto che non sono un suo elettore e non ho intenzione di esserlo in futuro, a meno di svolte liberal-democratiche e sociali sensate – diciamo però che è finalmente una mossa che esce dall’immobilismo che la lotta destra-sinistra ed il gioco allo sfascio messo in scena dal ’94 ad oggi ha creato, rendendo praticamente impossibile qualsiasi cambiamento profondo della struttura politica ed economico-sociale del paese, devastato da un politica immobile che non è stata capace di operare nessun cambiamento che potesse cambiare le sorti dell’Italia, fatto che è insieme la causa e l’effetto del populismo Salvini-Meloni.

 

(17 settembre 2019)

©gaiaitalia.com 2019 – diritti riservati, riproduzione vietata

 


 

 

 

 

 




 

 

 

 




POPOLARISSIMI

Calabria. Quinto esponente di Fratelli d’Italia arrestato per mafia in otto mesi

di G.G. #Calabria twitter@gaiaitaliacom #Politica   La bionda leader di Fratelli d’Italia, così impegnata a gridare che il governo deve cadere – nel bel mezzo della crisi da Coronavirus, perché la responsabilità politica è tutto per una leader, per quanto bionda – si trova alle prese con un problema un po’ più serio del quale sembra guardarsi ...

Devia i bonifici dell’azienda sul proprio conto corrente: arrestato

di Redazione, #Cronaca Operando da un’altra provincia era riuscito ad entrare nel sistema informatico di un’azienda reggiana decodificandone le credenziali bancarie ed aveva dirottato una transazione pari a 16.500 euro su un istituto bancario presso il quale aveva acceso un conto dedicato alla graziosa attività. Frode informatica è l’accusa grazie alla quale i militari della stazione di […]

La guerra tra Meloni e Salvini per l’egemonia nell’estrema destra suprematista a danno del Paese

di Giovanna Di Rosa, #Politica Le recenti scorribande parlamentari salviniane, le...

Nell’ambito di Fotografia Europea 2021 riaprono “Guido Guidi. Lunario”, a cura di Andrea Simi e Luca Nostri. “Quattro cortili” Project room

di Redazione, #Rubiera Nell'ambito di Fotografia Europea 2021 riaprono alla Corte Ospitale di Rubiera...

Rocca dei Boiardo a Scandiano fa squadra con i Castelli del Ducato

di Redazione, #Scandiano Con radici nella storia. Con la visione...

SCANDIANO

Da oggi potete seguirci anche su Telegram

Notizie in tempo reale sui vostri smartphone e tablet [....]

Cinquecento bambini fanno educazione stradale con la Polizia Locale

Lezioni tenute nel periodo da gennaio a febbraio 2024 [....]

Walk Marathon a Scandiano. Domenica 5 maggio partenza da Piazza Spallanzani

Un camminata non competitiva, con diversi percorsi adatti a tutte le capacità, che si snoda tra i colli scandianesi alla scoperta del nostro territorio [....]

Estorsione con la tecnica del “Boss delle Escort”: denunciata

Minacce attraverso messaggi su whatsapp dove il ragazzo veniva esortato a pagare per aver importunato le ragazze su siti hot: "Paga o faremo del male a te e ai tuoi cari [....]

Subisce il furto della droga, insegue i ladri, cade, si infortuna ed è arrestata per spaccio

Detenzione ai fini di spaccio l'accusa mossa ad una 40enne dai Carabinieri dell’aliquota operativa di Castelnovo Monti che aveva 2 etti di eroina in macchina [....]

I 40 anni dello coop sociale “Lo Stradello”

Uno Stradello “lungo 40 Anni” [....]
Pubblicità

ALTRE NOTIZIE