HomeNotizieScandianoAiuta: insieme per portare la spesa agli anziani

ScandianoAiuta: insieme per portare la spesa agli anziani

Pubblicità

di Redazione #Scandiano twitter@reggioemilinotiz #Coronavirus

 

Si chiama Scandiano Aiuta ed è un servizio messo in campo dal Comune di Scandiano a tempo di record insieme a Protezione Civile, Croce Rossa Italiana e Scout per proteggere le persone più a rischio di contagio da Coronavirus, portando loro a casa la spesa alimentare.

“Si tratta di una forma di attenzione verso le fasce più deboli della popolazione e un ulteriore invito a restare il più possibile nelle nostre case fino a quando l’emergenza non sarà finita – ha spiegato il sindaco di Scandiano Matteo Nasciuti – per la quale ringraziamo anzitutto le associazioni che si sono rese disponibili con volontari adulti”.

“A Scandiano contiamo circa 2700 nuclei famigliari che sono potenzialmente interessati a questo servizio – ha sottolineato invece l’assessore ai servizi sociali Elisa Davoli -, pertanto abbiamo ritenuto di dover far fronte a quella che può diventare un’emergenza, non esponendo i nostri anziani e le nostre persone fragili a inutili rischi”.

Da Mercoledì 18 marzo anziani, persone fragili e sole di tutto il Comune, potranno telefonare al numero 0522-764321 dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 12, martedì pomeriggio dalle 15 alle 17. Si potrà far richiesta anche tramite mail all’indirizzo scandianoaiuta@comune.scandiano.re.it.

Alla persona che risponderà al telefono, messa a disposizione del Comune per questo servizio, sarà sufficiente dettare le proprie generalità, il proprio indirizzo e la lista della spesa, scegliendo tra una lista precompilata di generi di prima necessità (pane, pasta, acqua, frutta e verdura confezionata…) e attendere che, il giorno dopo la prenotazione, un volontario delle associazioni coinvolte vada a ritirare la spesa. A quel punto, solo all’esibizione dello scontrino, il fruitore del servizio potrà pagare al volontario la spesa.

I volontari delle associazioni avranno un tesserino identificativo timbrato dal Comune.

Il servizio riguarda esclusivamente i generi alimentari e resterà attivo fino a quando lo saranno le restrizioni e le misure di contenimento del contagio da Coronavirus. Per quanto riguarda la spesa farmaceutica, essa andrà sempre concordata con il proprio medico di base che potrà anche disporre la consegna a domicilio dei medicinali se necessario.

 

(16 marzo 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 

 




 

 

 

 

 

 

 

 

 

 




Pubblicità
Pubblicità

SEGUITECI

4,403FansMi piace
2,390FollowerSegui
114IscrittiIscriviti

ALTRO DA LEGGERE

Pubblicità

POTREBBERO INTERESSARTI

Pubblicità

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: