11.8 C
Scandiano
sabato, Novembre 27, 2021
HomeCopertina ScandianoRicordate quando sotto quel dittatore di Matteo Renzi il PD addirittura votava,...

Ricordate quando sotto quel dittatore di Matteo Renzi il PD addirittura votava, discuteva e faceva primarie?

di Daniele Santi #Politica twitter@gaiaitaliacom #PD

 

C’è stato un periodo in cui il PD – questo secoli politici fa, molto prima che si programmasse l’orrendo ed innaturale matrimonio tra il PD e la premiata ditta Casaleggio srl nota come M5S – aveva uno strumento che si chiamava primarie, chiamava a votare milioni di persone, metteva gazebo da tutte le parti e la gente, del PD o no, arrivava e votava, e poi si scrutinavano i voti. Con questa pratica democratica si arrivò all’elezione del Grande Dittatore Matteo Renzi.

Si prese oltre due milioni di voti alla prima tornata e 1milione e 200mila o forse qualcosa in più alla seconda, e fu un uomo politico terrificante: tutti tremavano al suo passaggio, perché dall’alto della sua concezione orribilmente autoritaria faceva persino in modo che all’interno del PD si discutesse e poi addirittura si votasse. Mica come ora che il PD prende le decisioni in silenzio e sulla base delle votazioni della democraticissima piattaforma Rousseau.

Matteo Renzi, grande dittatore, propose una riforma costituzionale di ampio respiro – secondo me anche molto più intelligente dell’aborto che chiamano riforma dei parlamentari che non serve a nessuno se non a Luigi Di Maio e che verrà sbugiardata il giorno dopo l’eventuale vittoria dei “sì”, vittoria alla quale personalmente credo poco – e quando la perse, avendo contro di colpo tutte le televisioni e tutti i quotidiani del paese, Repubblica in testa, guarda cosa ti fa questo figliolo di Stalin? Addirittura si dimette da segretario del PD e da Presidente del Consiglio.

Francamente, una simile e spudorata, verticistica presa di posizione non s’era mai vista.

Tuttavia nel PD c’era un problema che aveva reso visibile proprio il PD con l’elezione democratica a segretario di Renzi il Dittatore: ci si era resi conto che il partito era scalabile  e questa cosa a coloro che consideravano il PD il loro partito, proprio nel senso di loro, insomma proprio come se ne fossero i proprietari, questa non potevano sopportarla.

Così si tolsero dalle palle il sovietico sistema delle primarie e ritornarono a quel democraticissimo sistema del fare quello che vogliono fingendo addirittura di informare la base che, non si capisce come, continua a votarli. Di questo passo il partito sarà così libero che ognuno farà quello che cazzo gli pare, tanto per capire se stanno facendo bene o no potranno contare sui 49mila che gridano “bravi” dalla Piattaforma Rousseau, che è di Casaleggio o della srl che governa, e non del PD.

Ma non vorrete mettere Zingaretti troppo sotto i riflettori, no? Cosa volete, che tutti si accorgano della sua inconsistenza?

Molto meglio unirsi in carnale e contronatura unione con il M5S senza chiedere nulla agli iscritti, elettori e simpatizzanti del PD – tanto per loro ha già deciso la Piattaforma Rousseau, che è del M5S – ed affiliarsi al buio con quei poveracci del M5S certi che, messi a confronto con il pocume che i grillini rappresentano, anche la mediocrità dei dirigenti del PD, Zingaretti e Franceschini in testa, svetterà alta nei cieli in barba ai dittatori che addirittura erano stati eletti con primarie democratiche e si dimisero dopo un referendum.

A dimostrazione che Matteo Renzi della democrazia interna al PD non aveva capito niente. Lui pensava di avere davvero a che fare con un Partito Democratico.

 

(20 agosto 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0


0

RELATED ARTICLES
4,752FansMi piace
2,382FollowerSegui
127IscrittiIscriviti
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: