Per Giorgia Meloni il Recovery Fund è anche un po’ merito suo. Cambiano una faccia al giorno

foto: REUTERS/Stefano Rellandini

di Daniele Santi #Maiconsalvini twitter@gaiaitaliacom #Maiconmeloni

 

Insomma se il Recovery Fund è realtà lo si deve anche, se non soprattutto, alle battutine e alle “pungolature” di Giorgia Meloni e dei suoi compagnucci di Fratelli d’Italia, quelli che in Europa votano contro le misure d’aiuto all’Italia per poi venire in Italia a dire che l’Europa non fa niente.

La Le Pen della Garbatella si vanta del nulla, e come potrebbe non vantarsi se considerate che sul nulla aprogrammatico il suo partito esiste, e che sul nulla di cui lei parla, gridando e distruggendo concetti per ridurli al nulla, è riuscita in pochi mesi a costruire il 14,5% di consensi potenziali?
Lei, la le Pen della Garbatella, si sente giustamente molto brava perché i sondaggi avanzano, ma ciò non è certo dovuto alle sue capacità – ottima dialettica, vuota ma efficace, fanatismo, simboli obsoleti ammantati di neofascismo sovranista, una bella capigliatura e la bandiera d’Italia sventolata in ogni momento proprio come se al partito interessasse il bene dell’Italia e non invece il poltronificio che il centrodestra mette a disposizione dei fedeli alla linea. Del resto l’acriticità degli elettori di quella parte politica sono quella roba lì: incapaci di qualsiasi nota sensata, di qualsiasi pensiero articolato che presupponga la visione della realtà, alla ricerca dell’uomo forte, o della uoma forte, che gliela raccontino bene e dicano “ci penso io”.

Così essi votano: si tolgono i pensieri e poi maledicono il governo. Quel governo che hanno votato loro.

Così non fa nemmeno sorridere più di tanto che La Bionda Sovranista dei BOT patriottici [sic] si assuma meriti che non ha. La Le Pen della Garbatella non ha pungolato l’UE sul Recovery Fund, come afferma in modo vanesio, ha fatto anzi tutto il possibile per ostacolare la concessione di fondi dall’UE all’Italia alleandosi con i paese che l’Italia non volevano aiutare con l’obbiettivo molto semplice di poter soffiare sul fuoco del malcontento del suo elettorato ed andare al potere sulla pelle delle sofferenze altrui.

Opportunismo più bieco raramente si è visto. Ed ha anche il coraggio di vantarsi di ciò che non ha fatto.

 

(29 maggio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 

 





 

 

 

 




Share and Enjoy !

0Shares
0 0 0