Occupate ad informare sui loro mancati accordi interni le “destre” sovraniste “dimenticano” di condannare Putin

Altre Notizie

Condividi

di Daniele Santi

Scrivevamo oggi sul nostro quotidiano Gaiaitalia.com Notizie Sud di Meloni e Salvini e Berlusconi, e di tutte le destre possibili una volta unite dalla tanto sbandierata e granitica comunità di intenti, allo sbando in tutti i luoghi nei quali il 12 giugno si andrà a votare e le destre dovrebbero vincere a mani basse.

Prendevamo ad esempio le dichiarazioni di Salvini, sempre lui, nell’immediato post-elezioni amministrative Milano-Roma-Bologna il quale, dopo essere stato preso a schiaffoni dall’elettorato, aveva garantito: “Entro dicembre avremo i candidati del centrodestra” (si ostinano a definirsi centrodestra) “per le prossime amministrative”. Siamo al 20 aprile e di quei candidati non c’è nemmeno l’ombra. O almeno del candidato unitario. Ché di candidati ce n’è fin troppi e tutti interni alle destre: a Palermo ce ne sono addirittura cinque che potrebbero diventare sei se Paragone decidesse di voler misurare la sua Italexit in terra sicula. Perché più si è meglio è.

Delle altre località quasi nulla è dato sapere: si sa di La Russa che chiede a Musumeci di dimettersi così che a giugno si voti anche per le regionali siciliane. Ciò che salta all’occhio, al di là della girandola di dichiarazioni e dei vari incontri tra Berlusconi e Salvini con l’obbiettivo di mettere all’angolo Meloni, è che queste destre sovraniste, tutte uguali nel loro desiderio di fingersi differenti, non hanno ancora espresso una ferma condanna all’invasione dell’Ucraina da parte di Putin, quando tutti i giorni ci sono molteplici ragioni per far sentire la propria voce. Ad avercela una voce.

 

(20 aprile 2022)

©gaiaitalia.com 2022 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 



%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: