23.8 C
Scandiano
venerdì, Luglio 19, 2024
Pubblicità

O del ministro Bonafede che punta i piedini…

Iscrivetevi al nostro Canale Telegram

foto: ANSA/MASSIMO PERCOSSI

di Giancarlo Grassi #Politica twitter@gaiaitaliacom #MaiconilM5S

 

Eccolo il ministro della Giustizia Bonafede, uomo che è tutto una convinzione più che una preparazione, puntare i piedi e dire che “o così o me ne vado” accecato dal furore ideologico, più dall’amore per il Diritto, dalla necessità di tenere il Movimento in piedi, più che dall’aderenza all’art. 111 della Costituzione, dal suo specchio più che da se stesso.

Succedeva ad altri di dover gridare perché li ascoltassero, ma succede ai piccoli. A coloro che non avendo mezzi per difendere le proprie indifendibili scelte, non avendo più voti a sufficienza – al Senato vanno sotto – per imporre le loro demenziali soluzioni, si appellano a quello che pensano essere la loro importanza. Dimenticando cosa succede di solito quando un ministro si dimette. Che lo si sostituisce, non importa quanto gridi, e si scopre che magari quello nuovo è meglio del dimissionato.

Non che per sostituire Bonafede con qualcuno che se la cavi un po’ meglio tocchi cercare un genio del Foro.

Purtroppo al di là delle questioni personali, delle minacce di dimissioni, del “o così o me ne vado”, ci sono questioni ben più importanti che andrebbero considerati avendo i coglioni per emanciparsi dal proprio ego: il fare i conti con la propria impreparazione politica, ad esempio. I rappresentanti del M5S passeranno infatti alla storia per essere stati i più miracolati dell’ultimo secolo.
Senza nemmeno sapere perché, senza nessuna preparazione, senza nessun particolare merito se non stare nel posto giusto al momento giusto dicendo sempre sì ai Diarchi e senza contraddirli mai ché bisogna pur mangiare; senza sapere nulla di ciò che avrebbero fatto, si sono ritrovati alla guida dell’Italia con 32 italiani su 100 che hanno votato per loro. La risposta non poteva evidentemente essere e adesso che ci son cascati, che cazzo facciamo? Toccava far finta di saperci fare. Potevan fingere meglio, ma le bugie hanno le gambe corte.

Come la riforma del buon Bonafede, nata morta come il suo ministero, che ha le gambe cortissime e sa di riforma come io so di anice. Allora mentre si affanna a salvarsi la poltrona – che al Senato non c’hanno i voti e vanno sotto – o mentre si ostina a cercare il suicidio politico insieme al suo sodale Di Maio che ha deciso di tornare in piazza con nuove balle e nuove grida, come se potesse essere credibile uno che in 18 mesi ha perso il 20% del suo elettorato, il ministro Bonafede potrebbe chiedere aiuto a Conte. O magari qualche lezione, ma non arriverà all’una né all’altra cosa.

Bonafede è quel minitro lì. Quel ministro della Giustizia che confonde reato doloso con reato colposo e che fa insorgere l’Ordine degli Avvocati che arrivano a chiederne le dimissioni.

Quando per il reato non si riesce a dimostrare il dolo, e quindi diventa un reato colposo, ha termini di prescrizione molto più bassi»

Non è una colpa. Non è un giudizio. E’ un fatto. Così archiviando la possibilità che possa chiedere a Conte di togliergli dalle mani la delicatissima questione gestendola come se fosse una questione da prendere con le molle per il bene del Paese, e non per salvare la poltrona del Ministro; o facendo in modo che proprio il premier Conte, che di diritto ne sa certamente più di me e non certamente meno di Bonafede, possa trovare una via d’uscita politica all’ennesimo tonfo del M5S di tutte le balle e le impreparazioni possibili.

Ma i pentastellati sono così: coerenza o morte. E son già morti. Altro che avere come modelli gente come Moro, Pertini, Fanfani o i padri costituenti, insomma qualcuno che – per quanto ti stia antipatico – ha qualcosa da insegnarti. No. Loro sono nati imparati e sono già fottuti. E hanno fatto tutto da soli. Insomma nel loro disastro umano e politico sono stati persino geniali.

Adesso staremo a sentire il botto. E con noi anche Forza Italia. I motivi chiedeteli a Renzi.

 

 

(6 febbraio 2020)

©gaiaitalia.com 2020 – diritti riservati, riproduzione vietata

 





 

 

 

 

 

 

 

 

 




POPOLARISSIMI

Calabria. Quinto esponente di Fratelli d’Italia arrestato per mafia in otto mesi

di G.G. #Calabria twitter@gaiaitaliacom #Politica   La bionda leader di Fratelli d’Italia, così impegnata a gridare che il governo deve cadere – nel bel mezzo della crisi da Coronavirus, perché la responsabilità politica è tutto per una leader, per quanto bionda – si trova alle prese con un problema un po’ più serio del quale sembra guardarsi ...

Devia i bonifici dell’azienda sul proprio conto corrente: arrestato

di Redazione, #Cronaca Operando da un’altra provincia era riuscito ad entrare nel sistema informatico di un’azienda reggiana decodificandone le credenziali bancarie ed aveva dirottato una transazione pari a 16.500 euro su un istituto bancario presso il quale aveva acceso un conto dedicato alla graziosa attività. Frode informatica è l’accusa grazie alla quale i militari della stazione di […]

La guerra tra Meloni e Salvini per l’egemonia nell’estrema destra suprematista a danno del Paese

di Giovanna Di Rosa, #Politica Le recenti scorribande parlamentari salviniane, le...

Nell’ambito di Fotografia Europea 2021 riaprono “Guido Guidi. Lunario”, a cura di Andrea Simi e Luca Nostri. “Quattro cortili” Project room

di Redazione, #Rubiera Nell'ambito di Fotografia Europea 2021 riaprono alla Corte Ospitale di Rubiera...

Rocca dei Boiardo a Scandiano fa squadra con i Castelli del Ducato

di Redazione, #Scandiano Con radici nella storia. Con la visione...

SCANDIANO

Bowling Sordi torna a Scandiano dal 12 al 14 luglio

Venerdì al Central Perk un torneo con gli amministratori del territorio [....]

Arrestato per spaccio in zona stazione un giovane residente a Scandiano

Detenzione ai fini di spaccio l'accusa mossa Ai due egiziani dai carabinieri della stazione di corso Cairoli che li intercettano in due differenti controlli [....]

Si introducono nei locali di una palestra di Scandiano e li danneggiano: denunciati

I carabinieri di Scandiano denunciano alla Procura reggiana un uomo e una donna per i reati di invasione di terreni ed edifici e danneggiamento [....]

Gli perquisiscono la casa e subito dopo esce per cercare altra droga: un arresto a Scandiano

Detenzione ai fini di spaccio l'accusa mossa ad un uomo di 66 anni dai Carabinieri della Tenenza di Scandiano. Sequestrati 4 grammi di cocaina [....]

Da oggi potete seguirci anche su Telegram

Notizie in tempo reale sui vostri smartphone e tablet [....]

Cinquecento bambini fanno educazione stradale con la Polizia Locale

Lezioni tenute nel periodo da gennaio a febbraio 2024 [....]

Walk Marathon a Scandiano. Domenica 5 maggio partenza da Piazza Spallanzani

Un camminata non competitiva, con diversi percorsi adatti a tutte le capacità, che si snoda tra i colli scandianesi alla scoperta del nostro territorio [....]
Pubblicità

ALTRE NOTIZIE